Asilo nido: i primi passi del tuo bambino

I primi passi di un bambino, sebbene facciano parte del suo sviluppo, implicano l’avvio di migliaia di connessioni neuronali e la maturazione dell’area cerebrale che ospita la psicomotricità umana . Questo adattamento è programmato nei geni umani in modo che possa camminare, verso l’età di un anno, ma questo è relativo, dal momento che ogni bambino ha il suo ritmo al momento di iniziare a camminare, dicono gli operatori dell’Isola dei Tesori asilo nido a Torino http://www.lisoladeitesori.com/.

“Ci sono quelli che fannno i primi passi a 10 mesi e altri a un anno e mezzo . Ogni bambino è diverso, ma nell’asilo nido è inevitabile confrontare lo sviluppo del tuo bambino con quello di altri bambini.

Perché mia figlia non cammina

Ricorda quello che abbiamo appena detto, che ogni bambino ha il suo proprio ritmo e che non devi spingere o aspettarti di camminare come gli altri bambini della tua età anche con quelli della tua stessa famiglia . Tuttavia, ci sono alcune ragioni per cui i bambini possono ritardare l’inizio dei loro primi passi sono:

Prematurità

È considerato normale che i bambini nati prima del tempo previsto o normale di gestazione, cammina più tardi, poiché la loro età è calcolata dal normale periodo gestazionale per il quale era prevista la nascita. Quindi la cosa logica è iniziare a muovere i primi passi durante l’anno, ma dovresti tenere a mente che se sei nato prima, puoi farlo dopo quell’età .

Non ci sono tecniche per insegnare ai bambini a camminare, ma ci sono alcune linee guida che dovrebbero essere tenute a mente

La paura

Questa è una delle cause più comuni per che un bambino preparato a camminare non si arrende. “Tuttavia, ciò che il bambino deve fare a 12 mesi, è essere in grado di alzarsi e aggrapparsi alle cose, anche se non fa il passo da solo . Ora, se è arrivato l’anno e mezzo e non c’è nessun ritardo in nessun’altra area del loro sviluppo, come la comunicazione, ad esempio, non c’è motivo di preoccuparsi “, spiega il pediatra, devi solo essere paziente.

 

Errori e successi quando iniziano a camminare

Il metodo classico di tenere le mani del bambino e camminare dietro di lui per aiutarlo a camminare è un buon modo per lui di esercitare le sue gambe e prendere confidenza , per fare i primi passi.

I parchi giochi per bambini sono consigliati nella fase in cui il bambino inizia a camminare e alzarsi in piedi, perché non verrà colpito se cade nei tentativi e puoi aggrapparti facilmente per alzarti e fare i tuoi passi in modo sicuro.

Ci sono diversi rischi per i bambini; ma in generale, se vengono prese le necessarie precauzioni, non sono gravi . La prima cosa è che la forza della struttura ossea del bambino è ancora fragile ed è soggetta al suo stesso processo evolutivo, che, nel tentativo di alzarsi in piedi, implica un certo pericolo di incidenti come cadute o la possibilità, quando si muove , per accedere a luoghi rischiosi .

Per questo è meglio prevedere, ad esempio, la chiusura dei siti che rappresentano un pericolo: scale, finestre, luoghi scivolosi o dove ci sono liquidi o elementi che possono essere raggiungere e consumare .

Prova ad acquistare calzature appropriate per i tuoi primi passi e usali quando sei per strada, ma se sei a casa, è meglio camminare a piedi nudi, in quanto sostiene meglio la pianta del piede e scopri i loro punti di appoggio ed equilibrio

Camminare in punta di piedi o con le gambe aperte è un processo attraverso il quale alcuni bambini che iniziano la marcia possono passare . Lo fanno perché stanno imparando a camminare in sicurezza. Ma è una questione di tempo prima che queste peculiarità scompaiano quando il bambino consolida la sua evoluzione rispetto ai suoi inizi come camminatore.

Non dimenticare di accompagnare, godere e celebrare il progresso di tuo figlio nel suo cammino di camminare ]perché tutto questo è lo stimolo migliore per lui per muovere i primi passi e ottenere un avanzamento adeguato di fronte alla marcia.

Molto importante: i genitori devono stimolare i primi passi del bambino

Autore dell'articolo: admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *